Gli studenti possono usufruire di biblioteca ed emeroteca specializzate, sala di lettura e consultazione; la biblioteca raccoglie volumi, periodici e riviste riguardanti varie aree di interesse (cultura generale, scienze umane ed economiche, tecnologia, arte, design, ecc.).


ESTRATTO DAL REGOLAMENTO DI ISTITUTO

Articolo 32 – (Uso della Biblioteca – Emeroteca)

 
1)       Modalità di accesso

Sono ammessi a frequentare la biblioteca e i locali annessi docenti, studenti e personale non insegnante dell’Istituto.

L’accesso al servizio della biblioteca è consentito nell’assoluto rispetto degli orari segnalati e solo per consultazione e studio. Non sarà consentito l’accesso in assenza di personale responsabile, ovvero di studenti borsisti cooperatori delegati dall’ufficio.

I lettori dovranno evitare di turbare la quiete della sala.

2)       Lettura, consultazione e studio materiale librario

Il materiale chiuso è distribuito dagli addetti e si può consultare dietro presentazione di richiesta scritta sull’apposita scheda, indicando nome e cognome dell’utente.

Il numero massimo di volumi consultabili contemporaneamente è fissato a 4.

3)       Prestito

Sono ammessi al prestito i docenti, gli studenti, se in regola con le iscrizioni, e il personale non insegnante dell’Istituto.

Gli ammessi al prestito hanno l’obbligo di comunicare al Direttore Amministrativo ogni cambiamento di indirizzo e recapito telefonico.

La richiesta di prestito è compilata, previa accertamento dell’identità.

Il prestito ha la durata di quindici giorni ed è eventualmente rinnovabile salvo prenotazioni in essere. Il numero delle opere date in prestito contemporaneamente non può essere superiore a due. Per esigenze didattiche la Biblioteca ha facoltà di abbreviare il termine normale di restituzione e richiedere in qualunque momento la consegna dell’opera prestata.

Entro il termine delle lezioni ordinarie tutte le opere concesse in prestito sono restituite alla Biblioteca per il controllo annuale del materiale librario. Il prestito è ripristinato alla successiva ripresa delle lezioni ordinarie. Eventuali mancanze sono comunicate al Direttore Amministrativo in quanto responsabile dei beni mobili dello Stato.

Sono esclusi dal prestito: volumi dotati dell’apposito contrassegno (bollino rosso) , i libri non ancora registrati né timbrati, le opere di consultazione, i periodici, i libri di fine catalogo, le opere di particolare importanza o valore e i libri in bibliografia dei corsi di studio.

Il prestito è personale: è pertanto vietato prestare ad altri le opere ricevute dalla Biblioteca o incaricare altri del ritiro dei libri.

In caso di ritardo nella restituzione, il lettore subirà un periodo di sospensione dal servizio di prestito pari a 30 giorni. I responsabili della mancata restituzione, dopo avviso inviato con raccomandata con avviso di ricezione sono perseguiti a termine di legge per il recupero dei valori sottratti. La morosità nella restituzione di volumi alla Biblioteca è considerata infrazione disciplinare per gli studenti e dipendenti dello Stato.

Il richiedente curerà di osservare lo stato delle opere che riceve in prestito: egli è civilmente responsabile di ogni manomissione, deterioramento o mancata restituzione. Il lettore è tenuto a dare immediata comunicazione alla Biblioteca e a sostituire l’opera non resa con altro identico esemplare, o con altra opera concordata preventivamente con il responsabile dei beni mobili dell’Istituto.

Il responsabile della biblioteca verificherà l’integrità dell’opera riconsegnata e riterrà responsabile dei danni arrecati ai libri l’ultima persona titolare del prestito. Per questa ragione l’utente deve controllare preventivamente l’opera richiesta in prestito e segnalare immediatamente al personale eventuali danni riscontrati.

La Direzione può autorizzare ragionevoli deroghe dai tempi di consegna e dal numero dei volumi prelevati a favore degli studenti che stiano preparando la tesi di Diploma ed abbiano già presentato idonea domanda di partecipazione all’esame finale.

4)       Riproduzioni

La riproduzione del materiale posseduto dalla biblioteca è possibile nel rispetto delle vigenti norme sul diritto d’autore e di salvaguardia del materiale. I costi di riproduzione, se effettuati all’interno della biblioteca, sono a carico dell’utente, previo rilascio di tessera per fotocopie.

5)       Richieste d’acquisto

Le richieste d’acquisto libri o abbonamento a periodici da parte degli utenti devono essere rivolte alla persona dell’Ufficio che cura gli acquisti annuali. Alle proposte è dato corso dall’Ufficio, salvo condizioni ostative vagliate dal Direttore e giusta la compatibilità di bilancio. L’eventuale diniego dell’acquisto di un libro o abbonamento a periodici deve essere motivato ed è appellabile presso il Consiglio Accademico entro 30 giorni dalla comunicazione.

Annualmente l’addetto agli acquisti censisce presso i docenti l’approvazione per la prosecuzione degli abbonamenti alle testate periodiche. In assenza di almeno una segnalazione di approvazione da parte di un docente si sospende l’abbonamento al periodico.